Gaia Gaja Tochter von Angelo Gaja im Weingarten Engl Gaia Gaja Daughter of Angelo Gaja showing the wine yard

Gaia Gaja spiega la nuova scelta dei vitigni e i progetti per il futuro

Venti anni a Bolgheri e la scelta di un’inversione di tendenza, togliendo il merlot, da due, uno è il Superiore, dei tre vini rossi che produce l’azienda. Siamo a Ca’Marcanda, la “roccaforte” toscana che Angelo Gaja, (uno dei più storici e famosi produttori di vino italiano, in Francia è soprannominato le “roi in Barbaresco”),  conduce con la figlia Gaia. Si può parlare della scelta della maturità, una sorta di rinascita, proprio a Bolgheri dove il guru del vino piemontese è arrivato e si è mosso, nonostante l’invadente notorietà che lo accompagna, in punta di piedi. Schivo e spesso ai margini, mai troppo coinvolto nelle operazioni collettive, “mi sento un ospite”- ha sempre affermato. Acuto osservatore semmai e pronto a mettersi in gioco ed operare cambi radicali, anche dopo venti anni.

Cantina Ca’marcanda

Oggi che ha scelto di abolire il merlot, che rappresentava la percentuale maggiore del vino di punta Bolgheri Superiore Camarcanda, virando dritto verso il puro binomio (80% cabernet sauvignon; 20% cabernet franc) e del Bolgheri Rosso Magari (che lascia il merlot al 50% per c.f al 60%, c.s. al 30% e una piccola percentuale di petit verdot) . Resta invariato Promis con maggioranza di merlot nel blend. “Con l’esperienza ci siamo resi conto che alcuni terreni sui quali era stato piantato merlot – spiega Gaia Gaja – non concedevano, con la giusta  costanza, le caratteristiche che invece vogliamo esaltare nei nostri vini. Pertanto abbiamo deciso di lasciarlo solo nei luoghi che hanno dimostrato di avere le potenzialità in linea con i nostri obiettivi”.  Una scelta curiosa, non solo perché sono passati vent’anni, ma anche perché vicini come Ornellaia fanno di Masseto, merlot in purezza, un vino tra i più prestigiosi al mondo. “Non mettiamo in dubbio infatti  le potenzialità del vitigno che a Bolgheri sono senz’ombra di dubbio eccellenti. Ma i nostri terreni  si prestano ad esaltare più freschezza ed alcool moderati con varietà tardive, favorendo le potenzialità di cabernet franc e cabernet sauvignon”. Insomma anche grandi famiglie del vino italiano  come i Gaja possono ancora sorprendersi, a conferma che il vigneto può manifestare con molta lentezza le sue attitudini migliori , soprattutto a Bolgheri dove terroir e microclima sono così determinanti, tanto da spiegare la nascita di alcuni vini in purezza, come Masseto appunto, Sassicaia o Paleo, per fare qualche esempio, ben lontani da ogni omologazione e riproduzione, anche sotto lo stesso cielo. “E’ un impegno quotidiano intenso – conclude – per cercare di comprendere ogni singolo pezzettino di terra, rispettarlo  e trasferirne al meglio le sue qualità. Tanta pazienza e il coraggio e l’umiltà di “ripartire”, come in questo caso”. Quelli di Gaja sono 120 ettari tra Bolgheri e Bibbona, Ca’Marcanda è per estensione la realtà più importante. I vini, come quelli di Gaja e Pieve Santa Restituta, sono esportati per un 80% ed i mercati più importanti sono USA, Svizzera, Giappone, Germania, Russia e Cina. Divina Vitale

Articolo precedenteWine Attitude
Prossimo articoloISOLA DEL GIGLIO, UNA TERRA SELVAGGIA DOVE SI PRODUCE ANSONICA
Divina Vitale
Toscana pura, giornalista nel Dna, ho una laurea in lettere moderne conseguita all’università di Firenze. Non ricordo bene quando ho iniziato a scrivere, ma ero parecchio bassa. I colori e i profumi della natura mi hanno sempre ispirato, la mia valigia è piena di parole… e mi concedo spesso licenze poetiche… Poi è arrivato il vino, da passione a professione. A braccetto con la predisposizione e pratica attiva per i viaggi e la cucina internazionale e ancor più italiana… assaggiare ed assaggiare… sempre. E’ giunto il momento di scriverne, con uno spirito critico attento. Da sommelier ho affinato certe tecniche di degustazione ma quello che conta nel vino,come nella vita, è l’anima. Basta scoprirla. E’ bello raccontare chi fa il vino e come lo fa. Perché il vino è un’inclinazione naturale…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.